Cher tunisien, mais où diable vas-tu?

(Testo italiano qui.)

Cher tunisien, j’ai entendu dire que certains de vos compatriotes, fous, ont décidé d’entreprendre un voyage périlleux et coûteux pour venir ici en Italie.

Si jamais une idée similaire te traverse l’esprit, sache que c’est une grosse erreur. Je connais ta terre et malheureusement, je connais aussi la mienne.

Tu me diras que tu fuis un pays avec un PIB moyen de 9 mille dollars par habitant, tandis qu’il est d’environ 29 mille ici. Ce qui signifie qu’en moyenne, tu gagnes le tiers de ce que gagne un italien. Eh bien, c’est pourquoi je viens, diras-tu. Là, tu as tort.

Tu voudras aussi manger. Sache que le pain ici coûte plus de trois fois ce que ça te coûte. Alors, ça te revient moins cher côté revenu. Toutefois, la question ne s’en arrête pas là, elle est beaucoup plus singulière. Sache qu’ici, il y a une loi qui protège une corporation. Apprends à penser comme nous, il y a une corporation pour chaque chose et cette corporation doit défendre ses propres membres contre les “griffes du marché”. Les dirigeants italiens ont une vraie passion pour les corporations. Quoi qu’il en soit, retournons-en à nous. Sache que chez nous, la loi oblige celui qui vend du pain à rester fermé aussi bien à l’heure du déjeuner, qu’à l’heure du dîner.

Etant donné que les boulangers sont fermés à l’heure du déjeuner, mettons que tu es là peu de temps après, tu voudras t’en aller pour prendre une pizza avec des amis. Tu découvriras qu’elle coûte neuf fois ce qu’elle coûtait à Tunis (puis en termes de pizzas, tu es trois fois plus riche).

Ok, ce soir, tu décides de rester à la maison. Disons que tu veux regarder une partie de football. Sache qu’ici tu dois payer une taxe de 100 euros/an qui vont à une télévision d’”Etat” qui ne te fera point voir la partie de football.

Pour t’abonner à une télévision qui te fait voir la partie de football, tu dois dépenser beaucoup plus. Qu’est-ce que tu dis? Chez toi la télé est gratuite? Tu n’es pas fan? Par contre, tu pourras regarder le Festival de la Chanson Italienne. Comment tu dis? Tu ne t’en soucie guère. Tant mieux pour toi, parce que même si tu te souciais de quelque chose, sache que les résultats sont truqués.

Oublie la télévision, tu passes beaucoup de temps devant l’ordinateur. Sache qu’ici, uniquement pour posséder un écran de PC, tu dois payer la taxe dont je t’avais parlé. Qu’est-ce que tu dis? C’était une taxe sur la télévision et non pas sur le net? Laisse tomber. Retour à internet, chez nous, quelques années auparavant, un charlatan est passé et qui a dit que personne ne pouvait accéder à une connexion wifi gratuite. Le plus drôle, c’est que tu ne réussiras jamais à croire que ses successeurs lui avaient donné raison. Cette année, ils ont finalement permis à chacun d’avoir un routeur sans mot de passe, mais les Italiens ne le savent pas. Donc si tu ne payes pas, tu ne peux pas te connecter à internet. Comment tu dis? Tu pensais te connecter à internet en payant? Tu commettrais une grande erreur, car ici, une connexion défaillante t’arrive après cinq mois et peut te coûter jusqu’à 50 € /mois.

Ok, assez de ces choses, disons que tu fais autre chose. Laissons tomber la pizza, le football, la télé et l’internet. Ce soir, tu veux aller au cinéma? Chez toi, ça coûte 2 dollars et quelque chose. Chez nous par contre, les hommes politiques ont établi qu’ils veulent offrir l’argent à leurs amis qui font semblant de faire du cinéma. C’est à nous donc de payer nos films que personne ne regarde, et qui sont produits à peine par quatre amis et proches. Qu’est-ce que tu dis? Tu regardes des films américains? Nous aussi, mais cela signifie que nous devons tous payer la redevance. Compte tenu de cette nouvelle taxe, le coût du billet est 5 fois celui que tu dépenses. Ce qui signifie que même par rapport à tes revenus, regarder un film en Tunisie coûte beaucoup moins qu’en Italie.

Bon, assez de ces activités à l’intérieur. Elles me semblent peu saines. Disons que, comme moi, tu as la passion pour la mer, au fond, ton pays est sur la mer comme le mien. Le vendredi matin, tu prendrais une petite barque avec quelques amis et tu irais pêcher. Ici, tu ne peux pas. Il faut une chose qu’ils appellent patente nautique. Comment tu dis? Ce n’est pas le cas chez vous, il suffirait de prendre les cannes à pêche et aller à la mer? Bon bah, ce n’est pas mal, avec quelques mois d’apprentissage tu prendrais le permis nautique aussi. Comment tu dis? Tu portes des lunettes? Alors, je suis désolé, mais pour aller à la pêche, n’en parlons pas. Si tu veux, tu pourrais t’asseoir sur une berge du Tibre et pêcher quelques mulets. Qu’est-ce que tu dis? Qui est-ce qui peut t’empêcher d’aller à la mer, la mer est à tous? Justement, je sais que tu t’es trompé de pays.

Ok, assez parlé de choses ludiques. Pensons aux choses sérieuses. Imaginons un instant que tu aies résolu la manière de manger, d’aller au cinéma et de naviguer sur internet. Tu devras avoir également un endroit pour appeler la maison. Un loyer d’un petit appartement au centre de Tunis peut coûter 200 €/mois. Multiplié par trois (toujours en tenant compte du revenu par habitant), ce sont 600 €/mois. Essaie de chercher le même appartement au centre de Rome. Bonne chance!

Très bien, pourquoi le centre, tu décides de prendre une maison un peu en dehors de la ville: je sais, à Sacrofano. En fin de compte, tu habitais à Carthage, à 20 km du centre de Tunis, et le train que tu prenais chaque matin n’était pas un problème. Un matin, j’ai pris ce train que tu prends chaque matin: il vaut mieux que je te dise tout de suite que je suis resté stupéfait parce qu’il était propre, ponctuel et pas cher. Sache que si jamais tu prendrais le train de Sacrofano, ça sera pour toi un vrai choc. Comment tu dis? Là-bas à Tunis, tu n’habites pas à côté de la station? Il me semble que c’est normal. Comment vas-tu à la station? En vélo? Héhéhé hahaha. Sache qu’ici, tu dois l’avaler le vélo avant de monter dans le train, parce que ce n’est pas autorisé.

Eh bien, admettons par l’absurde que tu réussisses à surmonter tous ces problèmes. Tu devras aussi travailler pour vivre. Tu es quelqu’un d’entreprenant et tu peux faire beaucoup de choses. Comme je te le disais, nous avons une corporation pour chaque chose. Tu ne peux tout simplement pas faire un métier. Il y a toujours une corporation qui protège ceux qui font ce travail et qui ne le fera pas faire pour toi. Si tu n’as pas différents permis et licences, tu ne peux absolument rien faire. Qu’est-ce que tu dis? Au pire des cas, tu te mets à cultiver la terre. Désolé, mais tu n’as vraiment pas compris ce que je suis en train de dire. Autour de toi, tous prétendront cultiver la terre, mais ils ne se feront pas l’argent en vendant ce qu’ils cultivent, mais plutôt en remplissant des formulaires de la communauté européenne. Tu ne comprends pas? Je t’explique mieux. Chez toi, vous les appelez agriculteurs, pêcheurs et autre. Ici, par contre, ils s’appellent conseillers commerciaux.

Tu veux mettre en place une petite entreprise? C’est beau d’entendre des personnes entreprenantes, capables de générer des richesses et des emplois. Sache que tu passeras ton initiative par derrière la bureaucratie, étant donné que l’Italie est le pays du monde où un entrepreneur doit passer le plus d’heures à pourchasser les bureaucrates.

Bon, disons qu’avec un peu d’indulgence (ici il y’en a toujours), tu réussis à devenir un “citoyen italien”. Belle motion, mes compliments! Tout juste auparavant, tu ne devais rien au moins, dès à présent, tu dois environ 3000 € à quelqu’un. Ils ne t’ont encore pas dit à qui, ça c’est un long discours. Sache que pour le moment, ta dette s’accroît de jour en jour et que tôt ou tard, tu auras quelques frais à payer et ils réussiront à te faire restituer ce que tu dois.

Tu me diras que les choses vont changer avec le temps et qu’ici, en Italie, ce sera toujours mieux et que là-bas, en Tunisie, ce sera toujours pire. Encore une fois, tu te trompes, mais vraiment pour de gros. En fait, tu dois savoir que dans ton pays, le PIB se développe à un rythme que nous n’imagions même pas ici. Tu sais que l’Italie, durant les dix dernières années, est le pays qui s’est développé le moins de l’ensemble de la planète (en réalité, le dernier du classement est Haïti, nous sommes à peine avant-derniers). Tu n’as pas bien compris peut-être: pour être plus clairs, cela signifie que si jamais tu auras des petits-enfants, ces derniers seront beaucoup plus riches en Tunisie qu’en Italie.

Comment tu dis? Tout cela ne te suffit pas, ce que tu cherches vraiment est la liberté? Alors tu t’es trompé de pays. Chez vous, vous-êtes en train de réécrire la constitution et vous êtes assez intelligents pour ne pas mêler des socialistes et des prêtres locaux (et je sais que toi qui lis ces lignes, tu ne serais jamais aussi fou pour te fier aux uns ni aux autres), vous serez plus libres que nous. Ici, chez-nous, tous célèbrent les 150 ans de l’unification de l’Italie, alors que personne n’a fêté les 150 ans de la république romaine en 1999. Je ne comprends pas pourquoi.

Tu ne veux pas pontifier d’inepties? Mieux vaut rester terre à terre et parler de vraie liberté, celle qui est pure et simple? Alors je te dirai que chez nous, existe quelque chose qui s’appelle: “détention provisoire”, qui durait jusqu’à huit années. Ce qui signifie que tu peux rester en prison jusqu’à huit ans sans procès. Il y a quelques années, ils se sont rendu compte que les magistrats, trop occupés à essayer d’envoyer en prison un individu en particulier, ne travaillent pas beaucoup, quelqu’un a décidé donc que cette limite de huit ans “n’est pas obligatoire”. Tu sais ce que cela signifie? Que tu peux te retrouver en prison et rester à jamais sans procès.

Comment tu dis? Tu voulais embarquer en Italie pour prendre le premier train direct pour la France, l’Allemagne ou les Pays-Bas? Bon sang! Tu pouvais le dire avant, alors tu fais très bien! Rendez-vous à Berlin, Amsterdam, Paris ou Londres dès que possible.

Photo credit: Noborder network.

Traduction: Olive2Tun.

Caro Tunisino, dove cacchio vai?

UPDATE: Texte en français ici.

Caro Tunisino, ho sentito che alcuni tuoi connazionali, insani di mente, decidono di intraprendere un viaggio pericoloso e costoso per venire qui in Italia.

Sappi che, se mai ti e’ passata per la testa un’idea simile, si tratta di un grosso errore. Conosco la tua terra e purtroppo conosco anche la mia.

Mi dirai che fuggi da un paese con un PIL pro capite medio di 9 mila dollari, mentre qui e’ di circa 29 mila. Questo vuol dire che in media guadagni un terzo di un Italiano. Bene, dirai tu, per questo vengo. Qui ti sbagli.

Vorrai pur mangiare. Sappi che qui il pane costa molto piu’ del triplo di quanto costa a te. Quindi da te, relativamente al reddito, costa meno. Ma il punto non e’ solo questo, ma e’ molto piu’ singolare. Sappi che qui c’e’ una legge che tutela una corporazione. Impara a ragionare come noi, c’e’ una corporazione per ogni cosa e questa corporazione deve difendere i propri associati dalle “grinfie del mercato”. I governanti italiani hanno una vera passione per le corporazioni. Comunque torniamo a noi. Sappi che da noi chi vende pane e’ costretto per legge a stare chiuso sia all’ora di pranzo che all’ora di cena.

Visto che i panettieri sono chiusi quando si mangia, diciamo che, dopo un po’ che sei qui, vorrai andarti a prendere una pizza con amici. Scoprirai che costa nove volte quanto costava a Tunisi (quindi li’, in termini di pizze, sei tre volte piu’ ricco).

Ok, questa sera decidi di restare a casa. Poniamo che tu voglia vedere la TV per vedere una partita di calcio. Sappi che qui devi pagare una tassa strana di 100 euro/anno che vanno ad una televisione “di stato” che la partita non te la fa mica vedere. Per abbonarti ad una televisione che ti faccia vedere anche la partita, devi spendere molto di piu’. Come dici? Da te la TV e’ gratis? Non sei tifoso? In compenso potrai vedere il Festival della Canzone Italiana. Come dici? Non te ne frega nulla. Meglio per te, perche’ se anche ti importasse qualcosa sappi che i risultati vengono truccati.

Lasciamo perdere la TV, passi molto tempo davanti al PC. Sappi che qui solo per possedere uno schermo del PC devi pagare la tassa di cui ti parlavo. Come dici? Era una tassa sulla TV e non sul web? Lascia perdere. Tornando al web, da noi anni fa’ e’ passato un cialtrone che ha detto che nessuno poteva accedere ad una connessione wifi gratuita. La cosa simpatica, che non riuscirai mai a credere, e’ che i suoi successori gli hanno dato ragione. Quest’anno finalmente hanno permesso a chiunque di avere un router senza password, ma gli Italiani non lo sanno. Insomma se non paghi non ti puoi collegare al web. Come dici? Pensavi di collegarti al web pagando? Commetteresti un grande errore, infatti qui una connessione, malfunzionante, ti arriva dopo cinque mesi e puo’ costare anche 50 euro/mese.

Ok, basta con queste cose, diciamo che fai altro. Lasciamo perdere pizza, TV, calcio, web. Questa sera vuoi andare al cinema? Da te costa 2 dollari e qualcosa. Invece da noi i politicanti sono fissati che vogliono regalare soldi ai loro amici che fanno finta di fare cinema. Quindi dobbiamo pagare noi i film, che nessuno vede, prodotti appunto da quattro amici e parenti. Come dici? Vedi film americani? Anche noi, ma che vuol dire, la tassa la devono pagare tutti. Tenendo conto anche di questa nuova tassa il costo del biglietto e’ 5 volte quello che spendi tu. Il che vuol dire che, anche relativamente al tuo reddito, vedere un film in Tunisia costa molto meno che in Italia.

Va bene, basta con queste attivita’ al chiuso. Mi sembrano poco salutari. Diciamo che, come me, sei appassionato di mare, in fondo il tuo Paese e’ sul mare come il mio. Il venerdi’ mattina, con qualche amico, prendevi una piccola barca e andavi a pescare. Qui non puoi. Serve un coso che chiamano patente nautica. Come dici? Da voi no, bastava prendere le canne da pesca e uscire in mare? Va beh, poco male, con qualche mese di studio prenderai anche la patente nautica. Come dici? Porti gli occhiali? Allora mi dispiace, ma di andare a pesca non se ne parla proprio. Se vuoi puoi sederti su un argine del Tevere e pescare qualche cefalo. Come dici? Chi ti puo’ impedire di andar per mare, il mare e’ di tutti? Mi sa che stai proprio sbagliando Paese.

Ok, basta parlare di cose ludiche. Pensiamo alle cose serie. Per un attimo immaginiamo che tu abbia risolto come mangiare, andare al cinema, navigare sul web. Dovrai pure avere un luogo da chiamare casa. Un affitto di un piccolo appartamento nel centro di Tunisi puo’ costare 200 euro/mese. Moltiplicato per tre (tenendo sempre conto del reddito pro capite), sono 600 euro/mese. Prova a cercare lo stesso appartamento nel centro di Roma. In bocca al lupo.

Va beh, perche’ mai al centro, decidi di prendere una casa un po’ fuori citta’: che so, a Sacrofano. In fondo tu abitavi a Cartagine, a 20 km dal centro di Tunisi, e il treno che prendevi ogni mattina non era un problema. Una mattina io ho preso quel treno che prendi ogni mattina: meglio che ti dica subito che sono rimasto stupito per quanto fosse pulito, puntuale e poco costoso. Sappi che se mai prenderai il treno da Sacrofano, per te sara’ un vero choc. Come dici? Li’ a Tunisi non abiti proprio accanto alla fermata? Mi sembra naturale. Come vai alla stazione? Con la bicicletta. Uauauauahahaha. Sappi che qui la bicicletta la devi ingoiare prima di salire sul treno perche’ non e’ permessa.

Bene, poniamo per assurdo che tu riesca a superare tutti questi problemi. Dovrai pur lavorare per vivere. Sei un tipo intraprendente e puoi fare tante cose. Come ti dicevo noi abbiamo una corporazione per ogni cosa. Non puoi semplicemente fare un mestiere. C’e’ sempre una corporazione che protegge chi fa quel lavoro e che a te non lo fara’ fare. Se non hai permessi e concessioni varie non puoi fare proprio nulla. Come dici? Alle brutte ti metti a coltivare la terra. Scusa, ma proprio non hai capito cosa sto dicendo. Intorno a te tutti faranno finta di coltivare la terra, ma non faranno i soldi vendendo cio’ che coltivano, bensi’ riempiendo moduli della comunita’ europea. Non capisci? Ti spiego meglio. Da te li chiamate agricoltori, pescatori e altro. Qui invece si chiamano solo commercialisti.

Vuoi mettere su una piccola azienda? E’ bello sentire persone intraprendenti, capaci di generare ricchezza e posti di lavoro. Sappi che questa tua intraprendenza la passerai dietro alla burocrazia, visto che l’Italia e’ il paese al mondo dove un imprenditore deve passare piu’ ore a inseguire i burocrati.

Va beh, diciamo che con qualche sanatoria (qui ce ne sono sempre), riesci a diventare “Cittadino Italiano”. Bella mossa, i miei complimenti. Subito prima almeno non avevi nulla, dal momento dopo devi circa 30000 euro a qualcuno. Ancora non ti hanno detto a chi, questo e’ un discorso lungo. Per il momento sappi che il tuo debito cresce di giorno in giorno e che prima o poi arrivera’ qualche tassa e riusciranno a farti restituire quanto devi.

Mi dirai che le cose cambieranno con il tempo e che qui in Italia si stara’ sempre meglio e li’ in Tunisia sempre peggio. Ancora ti sbagli, ma proprio di grosso. Infatti devi sapere che nel tuo paese il PIL cresce a ritmi che qui neanche immaginiamo. Lo sai che l’Italia, negli ultimi dieci anni, e’ il paese che e’ cresciuto meno di tutto il pianeta (in realta’ l’ultimissimo e’ Haiti, noi siamo penultimi). Forse non hai capito bene: per essere piu’ chiari, vuol dire che se mai avrai dei nipoti, questi saranno molto piu’ ricchi in Tunisia che in Italia.

Come dici? Tutto questo non ti basta, quello che veramente cerchi e’ la liberta’? Allora hai sbagliato Paese. Da voi state riscrivendo la costituzione e se siete abbastanza furbi da non mettere i mezzo socialisti e preti locali (e so che tu che leggi queste righe non saresti mai cosi’ pazzo da fidarti ne’ degli uni ne’ degli altri), sarete molto piu’ liberi di noi. Qui da noi tutti festeggiano i 150 anni dall’unita’ d’Italia, mentre nessuno ha festeggiato i 150 anni dalla Repubblica Romana nel 1999. Io non capisco perche’.

Non vuoi che pontifichi con cose insulse? Meglio restare terra terra e parlare di liberta’ vera, quella pura e semplice? Allora ti diro’ che da noi esiste una cosa che si chiama “custodia cautelare” che prima durava fino ad otto anni. Significa che puoi stare in galera fino ad otto anni senza processo. Qualche anno fa si sono resi conto che i magistrati, troppo impegnati a cercare di mandare in galera uno preciso, non lavorano molto, quindi qualcuno ha deciso che questo limite di otto anni e’ “non perentorio”. Lo sai cosa significa? Che puoi finire in galera e restare senza processo per sempre.

Come dici? Volevi sbarcare in Italia per prendere il primo treno diretto in Francia, Germania, Olanda? Porca miseria, potevi dirlo prima, allora fai benissimo! Ci vediamo a Berlino, Amsterdam, Parigi, Londra appena possibile.

Photo credit: Noborder network.

Risposta di Domenico Laforenza

Ricevo una lettera di risposta da parte di Domenico Laforenza riguardo al mio post. Lo ringrazio perche’ la sua risposta aiuta a fare chiarezza e mi permette di entrare nel merito di alcune questioni. Il diritto di replica applicato ai blog non e’ chiaro, ma mi sembra corretto mettere la lettera che ho ricevuto nel testo del post, e lasciare la mia replica ai commenti. Mi pare anche giusto mantenere questo come primo articolo per almeno 8 giorni (quelli in cui e’ stato in linea il precedente).


Egregio Luca Venturini,

Ho preso visione della pubblicazione da Lei diffusa attraverso il Suo Blog. Le rispondo a titolo personale e come responsabile del Registro .it. e Le significo quanto segue.

1. L’accostamento del nome e dell’immagine del sottoscritto alle parole “A volte gli italici cialtroni non vanno cercati con il lanternino ma hanno un nome ed un cognome. Quello di oggi fa il capo del registro italiano dei domini .it.” va molto al di là del legittimo diritto di critica ed appare lesivo della onorabilità della mia persona e del ruolo che ricopro quale direttore dell’Istituto di Informatica e Telematica del CNR, oltrechè, ovviamente, dell’Istituto e del personale tutto del Registro del ccTLD it. Mi riservo quindi di intraprendere le opportune azioni legali in relazione alle Sue affermazioni.

2. Nel predetto articolo si afferma tra l’altro “….Omissis…. Invece e’ da sempre uno degli uffici che funzionano peggio del Paese, tanto da essere noto per vietare la possibilita’ di registrare domini di due lettere, quando tutti possono vedere che www.q8.it e’ registrato e funzionante..”. Le Sue affermazioni sono sorprendenti, oltrechè, ancora una volta, nei toni, lesive dell’onorabilità mia, dell’Istituto e di tutto il personale. Difatti Lei da lungo tempo offre servizi di registrazione di domini, prima come Maintainer e adesso come Registrar per .it e per altri TLD, ed ha una lunga militanza nelle discussioni della Naming Authority, ovvero esattamente l’organismo che ha determinato le regole da Lei denunciate. Certamente la norma in questione è stata fatta propria dal Registro che l’ha condivisa e, a tale proposito, Le rammento che le Regole di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nell’ambito del ccTLD .it sono predisposte anche sulla base del parere consultivo della Commissione Regole.

a) La presunta mancanza di efficienza dell’Istituto
Sin dal 2004 l’Istituto di Informatica, che ho l’onore di dirigere, ha ottenuto la certificazione ISO 9001 per la qualità dei processi relativi alla registrazione dei nomi a dominio, ovvero proprio per quelle attività che Lei denigra. Come Lei certamente sa, la certificazione di qualità ISO 9000 viene ottenuta a fronte di una rigorosa serie di verifiche dei processi interni da parte di un organismo indipendente di revisione, che nel nostro caso fa parte di un gruppo internazionale che opera in tutto il mondo e che certifica tra l’altro la qualità di ben conosciuti operatori privati nel settore dell’elettronica, dell’informatica e della telematica. Il sito web del Registro riporta nelle sue pagine il marchio di certificazione, ed è altresì possibile scaricare il certificato alla seguente pagina: http://www.nic.it/documenti/sgs-certificato-iso-9000/view.

b) Il dominio q8.it
La ragione per cui esiste il dominio “q8.it” è, semplicemente, che quando la sua registrazione è avvenuta, ovvero in data 29/01/1996, non vi erano regole che impedissero di registrare domini .it a due caratteri. Ma come mostrano le tabelle disponibili sul sito del Registro (http://www.nic.it/tutto-sul.it/le-statistiche), nel 1996 i domini .it registrati erano circa 75.000; oggi sono più di 2.000.000. Il numero di domini registrati ha subito una drastica impennata a cavallo tra il 1999 e il 2000; a fronte della esplosione delle registrazioni la Naming Authority ha scelto di mantenere come riservati tutti i nomi a dominio .it con due caratteri, per evitare problemi nel caso di creazione di nuove province. Difatti i domini con sigla di provincia sono riservati agli enti in questione e questo accorgimento ha permesso di assegnare i domini alle nuove province via via create. Il nome a dominio “q8.it” é rimasto come eccezione in quanto, appunto, registrato anteriormente; e come si sa uno dei principi base delle garanzie giuridiche è che le nuove norme non decidono che per l’avvenire. Appare sconcertante che l’applicazione delle garanzie previste dalla legge in favore dei registranti dei nomi a dominio sia da Lei criticata come un’inefficienza.

3. Con riferimento a quanto da Lei segnalato a proposito del documento che costringerebbe i Registrar ad un burocratico inutile adempimento, Le evidenzio, in primo luogo, che dal 1 gennaio 2011 è a disposizione dei Registrar l’utilizzo della carta di credito al fine di metterli in condizione di operare al meglio; facoltà della quale si è evidentemente scordato anche se accettata contrattualmente come Registrar dei domini “.it”. La sottoscrizione del documento “accompagnatorio” è stata organizzata e predisposta allo scopo di attivare quanto prima l’operatività del Registrar e costituisce una normale prassi commerciale in materia di pagamenti in atto in Italia ed all’estero, senza che si gridi allo scandalo; l’approntamento del facsimile ha l’evidente fine di semplificazione delle procedure evitando al Registrar la riscrittura di un modulo. La Sua affermazione “E se ho fatto il bonifico da Internet?” sembra intendere che non sia possibile salvare una contabile di Internet banking su file .pdf o stamparla; la cosa, detta da persona come Lei, che nei Suoi articoli tratta tematiche legate alle tecnologie dell’informazione, appare quantomeno singolare.

4. Nelle conclusioni del suo ragionamento, ripeto pubblicato su Internet, lei afferma che: “….Ok, ma se non ho la contabile o se la “lettera accompagnatoria” contiene il minimo errore? Semplicemente non riconoscono di aver ricevuto soldi. Secondo me avere dei soldi sul conto in banca e dire di non averli ricevuti e’ un atteggiamento prossimo all’appropriazione indebita.”
Accusando il Registro e le persone che vi lavorano di un atteggiamento prossimo all’appropriazione indebita significa intanto non conoscere le procedure contabili pubbliche e in secondo luogo rivolgere insinuazioni pesanti e offensive nei confronti di Istituzioni e persone che svolgono onestamente e correttamente il proprio lavoro.

Con riserva di qualsiasi azione legale a tutela della onorabilità mia e dell’Istituto che rappresento, chiedo la immediata pubblicazione integrale della presente lettera sul suo blog, in stessa dimensione e caratteri dell’articolo citato all’oggetto.

Distinti saluti.

Il direttore
Dr. Domenico Laforenza

Domenico Laforenza

Domenico Laforenza

A volte gli italici cialtroni non vanno cercati con il lanternino ma hanno un nome ed un cognome.

Quello di oggi fa il capo del registro italiano dei domini .it. In pratica quelli che permettono di registrare i domini italiani sul web. Penserete che si tratta di un ufficio che si occupa di alta tecnologia, con procedure all’avanguardia e via dicendo. Invece e’ da sempre uno degli uffici che funzionano peggio del Paese, tanto da essere noto per vietare la possibilita’ di registrare domini di due lettere, quando tutti possono vedere che www.q8.it e’ registrato e funzionante.

Qualche mese fa, dopo innumerevoli articoli e petizioni, sono riusciti ad abolire l’invio di una lettera fisica che chiedevano a chiunque volesse registrare un dominio .it. Si trattava solo di un piccolo barlume di luce che solo certi burocrati navigati riescono ad avere una volta ogni cinque o dieci anni.

Oggi scopro che, quando li paghi, ti chiedono di inviare la contabile bancaria ed una “lettera accompagnatoria”. E se ho fatto il bonifico da Internet? Del resto stiamo parlando di registrazione di domini, non di vendita di lupini. Se in banca proprio non ci sono andato, dove trovo la contabile bancaria?

Inoltre la “lettera accompagnatoria” mica la posso scrivere di mio pugno. No. Me la inviano loro gia’ pronta. Ma se mi dici tu cosa devo scrivere su una lettera, che lettera e’? A che serve? Visto che hai gia’ tutto, scrivitela da solo: solo un genio puo’ pensare di inviarmi una lettera che gli devo a mia volta inviare uguale uguale, senza alcuna modifica.

Ok, ma se non ho la contabile o se la “lettera accompagnatoria” contiene il minimo errore? Semplicemente non riconoscono di aver ricevuto soldi. Secondo me avere dei soldi sul conto in banca e dire di non averli ricevuti e’ un atteggiamento prossimo all’appropriazione indebita.

A questo punto direi che il premio “carciofo del mese” di gennaio 2011 non puo’ che andare a Domenico Laforenza. Con lode.

Photo credit: Giorgia Bassi.

Vuoi vedere che torna il Wifi libero

Robin Good chiama il fratello a San Francisco

Ieri Silvio Berlusconi l’aveva annunciato ed oggi il Consiglio dei Ministri pare averlo approvato: non verra’ rinnovato il Decreto Pisanu. Questo significa Wifi libero dal primo gennaio 2011.

Per chi non lo sapesse, ricordo che il “Decreto Pisanu” e’ una genialata fatta nel 2004 2005 da un cialtrone che decise che era fuorilegge avere una rete aperta. In pratica costringeva chiunque avesse un router Wifi ad avere una copia del documento di chi si collegava alla sua rete. Inutile dire che le aziende di telefonia si adeguarono subito e che, mentre prima fornivano access point aperti, li iniziarono a chiudere con una password preimpostata. Quanti utenti sanno entrare sul proprio access point e modificare i settaggi per avere una rete aperta? Quasi nessuno.

Purtroppo la cosa non ha effetto immediato, come sarebbe stato se si fosse usato un Decreto Legge, quindi dovremo sorbirci per qualche mese dichiarazioni roboanti di vari cialtroni.

Inaspettatamente apre le danze il procuratore antimafia Piero Grasso che di Mafia capisce qualcosa, ma di Internet dimostra di non capire nulla. Cosi’ non solo ha dichiarato che l’accesso libero alle reti Wifi porterebbe a “ridurre moltissimo la possibilita’ di individuare tutti coloro che commettono reati attraverso Internet”, ma poi e’ ricorso al solito ritornello su Internet e pedofili: “Bisogna rendersi conto – ha dichiarato il procuratore – che dietro queste reti wi-fi e Internet point ci si puo’ nascondere benissimo nella massa degli utenti non piu’ identificabili e si possono trovare anche terroristi, pedofili e mafiosi”. Penso che sia un buon candidato al premio Carciofo del mese, ma sono sicuro che diversi altri faranno a gara per fare di peggio.

Nella foto Robin Good chiama via Wifi il fratello a San Francisco da Villa Borghese a Roma.

Una sentenza assurda

Giudice Oscar Magi

Il mondo si chiede se il giudice Oscar Magi sia semplicemente ignorante o proprio idiota. Ecco alcuni stralci.

Hillary Clinton (Segretario di Stato USA): “Internet libero e’ un diritto umano inalienabile che va tutelato nelle societa’ libere”.

David Thorne (Ambasciatore USA a Roma): “non siamo d’accordo sul fatto che la responsabilita’ preventiva dei contenuti  caricati dagli utenti ricada sugli Internet service provider“.

Google: “Questa sentenza attacca i principi di liberta’ sui quali e’ costruito Internet”. “Se siti come blogger, youtube ed ogni social network venissero considerati responsabili per i contenuti inseriti dagli utenti, allora il web come lo conosciamo cessera’ di esistere e molti dei vantaggi economici, sociali, politici e tecnologici che ha portato potrebbero sparire.”

Tech Crunch: “Qualcuno puo’ spiegare a questo giudice italiano cosa sia Google Video?”. “Perche’ nessuno ha spiegato a questo giudice idiota che il video non e’ stato messo dai dirigenti di Google?”

Beppe Grillo: “Se si scrive un insulto su un muro condanniamo il proprietario dello stabile?” e “Se minaccio qualcuno al telefono condanniamo la compagnia telefonica?”

Tech Dirt: “E’ semplicemente ridicolo“. “E’ difficile sentire queste cose e non pensare che il sistema legale italiano sia una barzelletta.”

New York Times: “L’Italia ha uno dei piu’ bassi tassi di utilizzo di Internet in Europa e gli esperti avvisano che questa sentenza puo’ erodere ulteriormente questa posizione.”

Mashable: “Condannare i dirigenti Google e’ quantomeno bizarro e mostra una completa ignoranza di come funziona Internet ed i servizi di condivisione dei diversi social network. Se non venisse ribaltata in appello, questa decisione potrebbe avere conseguenze a lungo termine su tutti i servizi di condivisione di contenuti su Internet. “

Cinque mesi per avere il telefono

Ogni tanto qualcuno dice che l’Italia e’ ferma per via dei servizi scadenti. Secondo me, nella maggior parte dei casi, questo e’ dovuto a monopoli e rendite di posizione che nessuno riesce piu’ a scardinare.

Uno dei casi piu’ eclatanti riguarda la telefonia. Si tratta di un servizio che esiste da piu’ di un secolo, ma che per molte zone italiane sembra essere ancora una concessione come nel famoso romanzo di Camilleri.

Veniamo al caso pratico: ho traslocato ed ho chiesto al mio operatore telefonico di trasferire la linea. La richiesta e’ del 20 settembre. La linea e’ arrivata oggi: 5 Mesi e 2 giorni dopo.

In questi 155 giorni ho assistito ad uno spettacolo fantastico: gente che veniva a fare sopralluoghi, sms che mi avvisavano del ritardo, email che mi proponevano offerte cui non potevo aderire, cortesissime operatrici che mi dicevano di non saperne nulla.

Il mio operatore e’ Tele Tu, ma questo credo che abbia poca importanza visto che tutti quelli che sono venuti a vedere la situazione dicevano di lavorare per Telecom Italia.

Qualcuno potrebbe dire che servizi cosi’ scadenti almeno costano poco, ma non e’ questo il caso, visto che per avere l’ADSL spendero’ qualcosa come 47 euro/mese. Circa 10 volte di piu’ di quanto si spende in Paesi che le rendite di posizione ed i monopoli hanno il coraggio di combatterli con decisione. Con vantaggio di tutti.

Photo credit: photolupi.

Lettera a Ricardo Franco Levi

Costituzione Italiana tradotta in Arabo

Ho appena mandato questa mail al Sottosegretario Ricardo Franco Levi.

A: Ricardo Franco Levi – levi_r@camera.it
Oggetto: Disegno di Legge sull’editoria

Caro Sottosegretario,

apprendo dal blog di Beppe Grillo che il giorno 12 ottobre il Consiglio dei Ministri ha approvato all’unanimita’ un Disegno di Legge che prevede che chiunque abbia un sito o un blog debba registrarlo al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione), presso l’Autorita’ delle Telecomunicazioni.

Leggo anche che saro’ costretto a cercare una Societa’ Editrice o a fondarne una per continuare a scrivere sul mio blog.

Come se non bastasse sembra che io debba iscrivermi all’Albo dei Giornalisti per diventare Direttore Responsabile del mio blog o pagare qualcuno per diventare il mio “Direttore Responsabile”.

Mi pregio comunicarle fin da ora che, quale sia la sanzione prevista, non sottostarro’ a nessuno dei vincoli presenti nel Disegno di Legge in oggetto ne’ chiudero’ il presente blog.

Per memoria le riporto quanto recita l’articolo 21 della Costituzione Italiana:

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.”

Sinceramente

Luca Venturini

http://luca.yepa.com

Sindaci e citazioni

Wifi Laundry

San Francisco

Posso trovare almeno una dozzina di reti in qualunque angolo di San Francisco, e di solito tre o quattro sono aperte. Inoltre posso andare quando voglio in un Caffe’ a fare il beduino lavorando da li’. Cosi’ posso parlare gratis con tutto il mondo. Questa cosa per chi e’ cresciuto con la TUT e’ una specie di paradiso, ma qui sembrano non farci caso.

Due anni fa Gavin Newsom, mayor di San Francisco, ha dichiarato “We will not stop until every San Franciscan has access to free wireless Internet service” che tradotto suona “Non ci fermeremo fino a che ogni cittadino di San Francisco non avra’ la connessione wireless gratuita”. Da inizio 2008 sara’ disponibile un’unica rete, aperta e gratuita per tutti, che coprira’ una regione grande quanto il Lazio.

Roma

In Italia, la solita leggina idiota, fatta da un cialtrone che non ha mai fatto nulla in vita sua, dice che dobbiamo avere una copia dei documenti di chiunque si collega alla nostra rete. Cosi’ la gente chiude la rete.

Ogni tanto pero’ qualcuno dei nostri cialtroni. Beppe Grillo li chiama dipendenti per sottolineare che dovrebbero lavorare per noi. A me non piace, preferisco chiamarli cialtroni perche’ dipendenti non riassume nulla sulle loro capacita’.

Comunque dicevo che ogni tanto la mente dei nostri cialtroni e’ attraversata da un lampo di genio. Allora senti Walter Veltroni, sindaco di Roma, che dice che in tutta Villa Borghese e’ disponibile una rete Wi-Fi aperta e gratuita per tutti. Poi cosa scopri? Che la connessione e’ limitata ad un’ora al giorno. Perche’? Per “scoraggiare l’uso della rete per scaricare file audiovisivi e musicali in maniera illegale.”

Palermo

I cialtroni sono sempre li’, in agguato. Vorrei avere la forza di arrabbiarmi, ma poi scopro che Diego Cammarata, sindaco di Palermo da cinque anni, ha riempito il Palasport di Palermo insieme a Silvio Berlusconi.

Ha dichiarato: “Nei prossimi 5 anni, io Ti garantisco, Presidente, che tutte le case dei Palermitani avranno l’acqua 24 ore su 24.”

Photo credit: vkdir

Super Happy Vlog House

Super Happy Vlog House at Hat Factory - San Francisco
Sto scrivendo dalla Super Happy Vlog House, evento di apertura della settimana “Video Blogging Week 2007“.

L’evento si svolge alla Hat Factory (struttura di beduini in coworking di cui scrivero’ ancora). I lavori sono inziati nel prato qui accanto con una riunione con Jon Phillips e Lisa Rein di Creative Commons e Colette Vogele di Vogele & Associates. Abbiamo avuto modo di parlare di licenze creative commons e dell’uso che se ne puo’ fare nell’ambito del video blogging.

Poi ci siamo spostati all’interno della Hat Factory per una piccola presentazione in cui Jon ci ha mostrato il nuovo marker che potrebbe essere usato per i video rilasciati sotto licenza CC. L’obiettivo della serata era di impostare i trailer delle licenze creative common. Qui i trailer. Video.

Il pomeriggio ha proseguito in stile barcamp con la piacevole sorpresa di Justin di justin.tv, che ci ha mandato in broadcast in diretta (justin.tv merita un post a parte). Video.

Oltre ai due video (uno e due), ho fatto un po’ di foto. Nei video ho usato il nuovo mark Creative Commons che potete ammirare in anteprima.

Verso mezzanotte vengono proiettati i video dei trailer e visitiamo tutti insieme il sito del nuovissimo servizio di Google.

In conclusione abbiamo fatto le ore piccole (ora e’ l’una di notte), ma mi sono proprio divertito a passare il sabato sera in modo cosi’ geek.

Visto il Divario digitale di cui scrivevo proprio l’altro giorno, meglio spiegare che una licenza creative common permette di riservare alcuni diritti sui propri lavori, lasciando la possibilita’ di copiarli e distribuirli a terzi. Io di solito uso la licenza “attribution-sharealike” che e’ spiegata molto chiaramente qui.